home page
cultura
cultura
ristoranti
eventi
cucina
shopping
Arte allo
Zen Sushi Restaurant di Milano

Elena Sellerio e Celina Spelta
Dall'8 novembre al 6 dicembre 2013

Elena Sellerio

  • Italo Argentina
  • Nel 1972 consegue il diploma d'insegnante d'arte presso la Scuola di Belle Arti Manuel Belgrano di Buenos Aires.
  • Nel 1980 diploma di scultura presso l'Accademia di Brera a Milano.
  • Allieva di G. Marchese, F.Bondini, A.Cascella.
  • Dal 1980 al 2000 realizza opere su commissione di Enti Pubblici e religiosi (scuole, chiese, Campo Santo).
  • Dal 1990 vive ad Albissola Marina dove ha approfondito la Tecnica della Ceramica.
  • Dal 2002 al 2005 realizza il rivestimento dei portali della chiesa di Cristo Re' e SS. Assunta di Masone (Ge) con lastre in bronzo rappresentanti temi sacri.
  • Realizza libri d'artista e partecipa per diversi anni alla manifestazione del libro d'arte in Irlanda presso il Wedford art Center.
  • Espone e partecipa a differenti manifestazioni artistiche in Italia e all'estero.

Clicca sulle immagini per visualizzarle in sequenza

Celina Spelta

La formazione avviene a Milano attraverso la Scuola Politecnica di Design, l'Accademia di Belle Arti di Brera ed il Teatro alla Scala. Espone dal 1978.

I materiali con i quali entra in assonanza sono il metallo e la creta. Vive a Milano

Sintetizza concetti complessi, utilizzando materiali diversi, cercando di lasciare immagini nitide. Ricerca linguaggio per ripercorrere i temi ineludibili della vita.

...Interessante come di volta in volta entrino giocosamente in scena i materiali più disparati, scelti per le loro qualità intrinseche e quasi mai mediati da scontate lavorazioni tecnico-accademiche. Si respira una freschezza (e leggerezza) immediata che facilita il percorso verso i terreni intimistici e spirituali che Spelta vuole suggerire all'osservatore. Il simbolismo del quale è pervaso il suo lavoro ha il sapore di una "recherche" della propria anima e di quella universale, questa è la sua chiave di accesso per comunicare con il mondo. (Maria Ferrari)

Clicca sulle immagini per visualizzarle in sequenza